07. TAVOLA CORANICA

(Collezione Marvaldi – Cuneo)

Le scuole coraniche, diffuse in Africa, svolgono un ruolo importante nell’alfabetizzazione dei giovani. Il bambino apprende l’alfabeto e la composizione delle sillabe tracciando su una tavola di legno caratteri arabi e frasi tratte dal Corano che recita ad alta voce.
Nel nord della Nigeria gli Hausa sono da tempo islamizzati e le scuole coraniche diffuse ovunque.

Il testo presente su entrambi i lati della tavola si riferisce alla sura n. 49 del Corano.
«Le Stanze Intime» è composta da 18 versetti, e il suo nome deriva dal versetto 4.
La Sura fu rivelata da Maometto a Medina, anche se è assai probabile che la Sura fosse rivelata in diversi momenti, vista l’eterogeneità della materia.


I versetti costituiscono una chiara raccomandazione a non usare toni lamentosi e potenzialmente provocatori di disturbo, specie (ma non solo) nel rivolgersi al Profeta Maometto.
Allo stesso modo invita a mantenere un atteggiamento non derisore nei confronti del prossimo e lontano da ogni pettegolezzo e calunnia: fattori tutti miranti a cementare la pace sociale all’interno della comunità musulmana.


 

IL POPOLO HAUSA

 

Niger – Mappa delle popolazioni


ARTE

Staffe

La produzione artistica degli Hausa è soprattutto artigianale: abbigliamenti colorati, contenitori per alimenti,  oggetti da utilizzare durante la cavalcatura di cavalli o di cammelli e gioielli femminili.         

STORIA

Gli Hausa, di origine sudanese, sono il gruppo maggioritario del Niger, ma sono presenti anche in Nigeria, lungo il bacino del lago Ciad e, in misura minore, in Libia.

In passato gli Hausa fondarono numerose città stato nel territorio dell’antico regno del Kanem-Bornu. Queste città, dopo l’islamizzazione del gruppo avvenuta verso la fine del XII secolo,  furono riunite successivamente nel XVI secolo in un Sultanato con sede a Zinder.

Una delle porte di accesso alla città di Zinder – 1901

Il periodo tra il XVIII e XIX  secolo fu di grande prosperità per il gruppo Hausa che godette di grande ricchezza economica a causa del commercio di oro e schiavi.

Durante il periodo coloniale francese il territorio dell’odierno Niger fu inglobato nell’Africa occidentale Francese, ma il sultanato di Zinder mantenne la sua autonomia e fu riconosciuto dalla Francia stessa.

ECONOMIA

Artigiano al lavoro

L’economia degli Hausa si basa soprattutto sull’agricoltura e in particolare  sulla produzione di arachidi. Questo tipo di produzione introdotta dai Francesi in epoca coloniale nell’ultimo decennio ha avuto un notevole arresto sia per la siccità del territorio sia per l’instabilità politica del paese.

Oltre all’agricoltura gli Hausa vivono del commercio di bestiame e di oggetti artigianali conosciuti sia in Africa sia nei paesi occidentali.

POLITICA

Guerrieri Hausa

Il regno degli Hausa che dominava e controllava parte dei territori che si affacciavano sul Sahara, iniziò a decadere nel XVIII secolo con l’arrivo degli Europei e anche l’ultimo sultano Samory Turé dovette arrendersi.

Palazzo del Sultano

Attualmente a Zinder nel palazzo sultanale risiede il ventitreesimo sultano degli Hausa: Mustafa Ahmed che dà udienze almeno una volta all’anno ai propri sudditi.

RELIGIONE

Gli Hausa convertiti all’Islam da predicatori arabi tra il X e il XII secolo seguono l’Islam sunnita.

La religione ha fortemente influenzato la cultura e la morale,  anche se spesso gli Hausa che vivono nella zona meridionale del Niger seguono il culto “bori”. E’ un culto di possessione e attualmente si è creato un sincretismo con l’Islam.

Durante lo svolgimento del rito, praticato soprattutto dalle donne, viene utilizzata una pianta “visionaria” e si ricorre al Bori per guarire da malattie e durante momenti importanti della vita, quali l’iniziazione.

La moschea di Niamey, capitale del Niger

 


Altre informazioni:

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.