13. MASCHERA DI DANZA

Questo tipo di maschera, definito Kpelie ricorda un antenato fondatore femminile che viene richiamato in alcune circostanze dal popolo Senufo.
In effetti il termine è la trascrizione  francese di kpeli-yëhë, uno dei dialetti Senufo, dove Yëhë significa viso, faccia.

Versione in bronzo della maschera Kpelie

Alcune vengono indossate nei riti funebri del gruppo dei fabbri;
altre durante cerimonie agresti per ringraziare gli spiriti, altre al termine dell’iniziazione dei giovani.
Pare che la maggior parte dei riti durante i quali viene indossata la maschera kpelie siano legati alla fecondità dell’uomo e della terra.

Danzatori della società segreta Poro

Queste maschere hanno in generale viso ovale allungato con forme concave. Il naso è piccolo con narici ad ali e la bocca mette quasi sempre in evidenza i denti. Spesso appare il piattino labiale e alla sommità della testa vengono scolpite figure umane, animali, figure geometriche.
Lateralmente e verso la parte inferiore della maschera sono scolpite due appendici (quattro se la maschera è doppia) a forma geometrica o a forma di zampe di animale.

 

Giovani scultori al lavoro

Alcune maschere sono doppie e altre sono in bronzo, realizzate con la tecnica della fusione a cera persa.

Tecnica a cera persa – Fase della lavorazione


IL POPOLO SENUFO

4 Costa d'Avorio _ Mappa delle Popolazioni

Costa d’Avorio _ Mappa delle Popolazioni


ARTE

28 Scultore prepara i caschi Wanyugo da archivio Eliot Elisofon

28 Scultore prepara i caschi Wanyugo da archivio Eliot Elisofon

Tutti i prodotti dell’arte Senufo sono realizzati da artigiani specializzati che mostrano minime differenze stilistiche regionali.
Un po’ ovunque nel loro territorio essi rappresentano antenati, figure in miniatura in ottone e piccole statue utilizzate nella divinazione. Vi sono inoltre diversi tipi di maschere utilizzate dalla società Poro.

STORIA

I Senufo sono costituiti da diversi sottogruppi che emigrarono nei territori attuali provenendo da nord nel corso del XV e XVI secolo.
A differenza dei loro vicini Songhai e Hausa, la loro cultura è rimasta relativamente al riparo da influenze esterne e anche se si sono serviti delle conoscenze altrui, non hanno dovuto far fronte a continui attacchi nemici e sconvolgimenti sociali.

ECONOMIA

10 Festa per nuova casa da Reflets de la CdI

10 Festa per nuova casa da Reflets de la CdI

Nella regione Senufo l’agricoltura è diffusa, in particolare si coltivano miglio, sorgo, mais, riso e patate, oltre a banane, manioca ed una serie di altri prodotti agricoli introdotti da altre zone del mondo.
Sono allevati piccoli animali di fattoria come pecore, capre, galline, faraone. La caccia e la pesca contribuiscono all’economia locale in modo limitato. Il lavoro è diviso tra agricoltori e artigiani e, mentre un tempo si pensava che non vi fossero matrimoni misti tra queste due categorie, alcuni studi hanno dimostrato che vi era un certo grado di flessibilità a questa regola.

POLITICA

4 Villaggio nella stagione delle piogge da Reflets de la CdI

4 Villaggio nella stagione delle piogge da Reflets de la CdI

I villaggi Senufo sono compresi tra 50 e 2.000 abitanti. Sono divisi lungo linee etniche che fanno riferimento ad un particolare clan matrilineare. Queste divisioni riflettono la condizione economica e sociale di ogni clan all’interno della comunità e comprendono agricoltori, fabbri, scultori, indovini e artigiani del cuoio.

25 maschere per funerale poro da Masques vivants

Ci sono quattro società che educano e governano le azioni degli individui, Poro, Sandogo, Wambele (“società degli stregoni”) e Tyekpa, che si trova solo tra il sottogruppo Fodonon.

RELIGIONE

11 casa dei feticci da Cote d'Ivoire foto di Martel

11 casa dei feticci da Cote d’Ivoire foto di Martel

Tra i Senufo vi sono un numero imprecisato di antenati e di spiriti della natura. La divinità è rappresentata nella doppia forma di Maleeo,  “Antica Madre” e di Kolotyolo, “Dio Creatore”.
Nella regione di Kufulo, Maleeo è rappresentata da tamburi sacri di fronte ai quali ladri e assassini sono portati in giudizio.
La società Poro è riservata soprattutto agli uomini, anche se possono entrare a farvi parte sia giovani ragazze che donne anziane.
La funzione principale del Poro è quello di garantire un buon rapporto tra il mondo dei vivi e quello degli antenati.

Donna Sando Die Kunst der Senufo

Donna Sando Die Kunst der Senufo

La divinazione, regolata dalla società Sandogo è una parte importante della religione Senufo. Anche se solitamente è considerata una società femminile, gli uomini destinati a diventare indovini per trasmissione ereditaria possono entrare a farne parte.

I Senufo

Parole Explora: bracciali, fertilità, maternità, papaya, saggezza, serenità

Altre informazioni:

Trip Down Memory Lane

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.