32. RELIQUARI

Durante la tratta degli schiavi, tra il ‘500 e l’800, il bisogno di protezione e di aiuto delle comunità Yoruba produsse riti religiosi centrati sull’individuo.

Mappa sintetica della tratta degli schiavi

Questi includevano il mantenimento di una “casa della testa” (ilé orì) come quelle esposte, che rappresentava un santuario dedicato alla componente spirituale del cranio e proteggeva sia spiritualmente che fisicamente il proprietario.

Un guaritore tradizionale con un ilè ori alla sua sinistra

I crani contenuti  nei contenitori appartenevano a personaggi importanti quali un re, un nobile o un dignitario della corte reale;  più il contenitore era ricco di cauri, le conchiglie usate come moneta, più era importante il personaggio.
Alla morte del proprietario l’ile ori viene solitamente smantellato e le perline e le conchiglie vengono sparse sulla tomba del defunto o utilizzate come moneta dalla famiglia superstite.

IL POPOLO YORUBA

02 Nigeria _ Mappa delle Popolazioni

02 Nigeria _ Mappa delle Popolazioni


ARTE

I prodotti dell’arte Yoruba sono numerosi come le loro divinità e molti di essi sono collocati nei santuari per onorare gli dei e gli antenati.

Osun-Osogb, una delle forste sacre degli Yoruba, vicino a Osogbo, sito Unesco dal 2005

Osun-Osogb, una delle foreste sacre degli Yoruba, vicino a Osogbo, sito Unesco dal 2005

Vi è una produzione abbondante di oggetti in legno e ottone, mentre la terracotta è usata solo raramente. Il vasto impiego di maschere ha determinato una grande varietà di forme.
Altre arti importanti sono la ceramica, la tessitura, la lavorazione delle perline e dei metalli.

STORIA

I racconti orali Yoruba  comprendono un mito dell’origine secondo cui dio, attraverso una catena calata nella città di Ile-Ife, fece arrivare sulla Terra Oduduwa, l’antenato fondatore, che portò con sé della terra ed un seme di palma. La terra fu gettata in acqua, mentre il seme divenne un albero con sedici rami, che rappresentano gli antichi sedici regni Yoruba. L’impero di Oyo sorse alla fine del XV secolo grazie anche all’impiego di fucili portoghesi e la sua espansione fu resa possibile dall’introduzione del cavallo.

Alla fine del XVIII secolo a Oyo scoppiò una guerra civile; i ribelli si rifugiarono presso i Fulani, ma questi ultimi completarono la conquista della città nel 1830.
La regione Yoruba è stata colonizzata dagli inglesi nel 1901, ma si stabilì un sistema di governo indiretto molto simile alla forma di governo Yoruba già esistente.

ECONOMIA

La regione Yoruba è caratterizzata da numerosi centri urbani densamente popolati con i campi circostanti destinati all’agricoltura. Di conseguenza gli Yoruba furono soprattutto agricoltori, i cui principali prodotti erano cacao e igname, piantati con un sistema a rotazione di tre anni, in alternanza con manioca e altre colture, tra cui mais, arachidi, cotone e fagioli. Al termine del ciclo triennale la terra è lasciata a riposo, a volte per sette anni.
Si stima che in passato quasi il 70 per cento delle persone era impiegato in agricoltura, un dieci per cento erano artigiani ed un altro dieci per cento era commerciante in città.
La concentrazione della ricchezza all’interno delle città favorì lo sviluppo di una complessa economia di mercato che a sua volta produsse un diffuso sostegno all’arte.

POLITICA

I sistemi politici e sociali variano notevolmente da regione a regione e la fedeltà è assegnata al grande centro urbano della zona, piuttosto che ad una singola autorità centralizzata.

04 Olokuku Yoruba

Olokuku, uno dei re Yoruba locali

Ogni città ha un capo (Oba) che può ricevere l’investitura in diversi modi, per via ereditaria, attraverso la partecipazione ad associazioni prestigiose, essendo scelto personalmente da un Oba già al potere. In ogni caso ogni Oba  è considerato un discendente diretto dell’Oba fondatore di ogni città. Un gruppo di consiglieri lo sostiene di solito nelle decisioni.

RELIGIONE

Gli Yoruba affermano di avere 401 divinità, anche se in verità sono molte di più.
La complessità della loro cosmologia ha portato gli studiosi occidentali a paragonarli agli antichi greci con il loro impressionante pantheon.

11 Cosmogonia Yoruba da Arts du Nigeria

11 Cosmogonia Yoruba da Arts du Nigeria

Le divinità Yoruba sono conosciute con il nome di orisha, il dio supremo è Olorun. Altri orishà importanti sono Eshu l’impostore, Shango il dio del tuono e Ogun, dio del ferro e della moderna tecnologia.

13 Orisha da Notes sur le culte des orisa et vodun

13 Orisha da Notes sur le culte des orisa et vodun

Non esiste un clero organizzato o santuari in onore di Olorun, ma il suo spirito è invocato per chiedere benedizioni e per esprimere ringraziamenti. Gli Yoruba credono che alla morte si entra nel regno degli antenati e da lì si continua ad avere forza sulla terra.
Una volta l’anno si rende omaggio alle tombe dei propri antenati ed i capi dei clan sono responsabili di queste celebrazioni.
Le maschere appaiono ai funerali perché si ritiene possano incarnare lo spirito del defunto.

Altre informazioni:

SIRIS, Eliot Elisofon
Trip Down Memory Lane

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.