Archivi categoria: Dogon

02. MASCHERA DI DANZA

Le maschere sono la principale produzione artistica del popolo Marka e lo stile ricorda quello dei vicini Bambara.

A differenza però dei Bambara i Marka ricoprono le loro maschere con fogli di metallo che danno alla maschera un aspetto severo e prezioso.
Spesso vengono applicati anche piccole parti di cotone rosso che ricordano il lavoro dei campi.

Maschera Marka appartenente ad una collezione privata

Le maschere sono utilizzate nel corso dei riti di iniziazione di giovani, in particolare per quanto riguarda la circoncisione.
Oltre a questo rituale i Marka utilizzano le loro maschere nelle feste per la semina, per il raccolto dei campi e per la pesca.  

La maschera Marka completa di costume

IL POPOLO MARKA

I Marka occupano una piccola parte centrale del Mali,
stretti tra i Dogon ed i Bambara (o Bamana).

Mali - Mappa delle popolazioni
ARTE

La produzione artistica dei Marka consiste nella creazione di maschere che appartengono a chi li utilizza.

Le maschere, ricoperte da lamine di metallo, hanno forme allungate e stilizzate; spesso le sottili parti in metallo e mobili collocate ai lati della maschera stessa terminano con ciuffi di cotone rosso.

Maschera appartenente ad una collezione privata
STORIA

Nel ‘600 e ‘700 i Marka, per la maggior parte commercianti ed agricoltori, controllavano gli scambi tra le comunità del Sahel e le tribù berbere nomadi che attraversavano il Sahara . I vicini Bambara integrarono le comunità Marka nella loro struttura statale, così che le stazioni commerciali e le piantagioni di Marka si moltiplicarono sino all’inizio dell’800. Quando l’impero Bambara fu sconfitto da quello musulmano nel 1850, le concessioni commerciali e le proprietà terriere dei Marka subirono danni dai quali non si ripresero mai più.

La città di Segou nel periodo coloniale

ECONOMIA

La maggior parte dei Marka vive sulle rive del fiume Niger e, in particolare nel territorio di Segou, a nord del gruppo Bambara.
La pesca quindi, oltre all’agricoltura, sono le principali risorse economiche dei Marka.

Pesca sul fiume Niger nei pressi della città di Segou

POLITICA

I Marka mantengono una rigida gerarchia sociale e politica che include un re, capi mediatori dei conflitti, capi di guerra e capi di clan e famiglie. 
Formalmente si tratta di un sistema centralizzato, ma nei fatti si riscontra una certa autonomia all’interno di ogni villaggio.

Abitanti della città di Segou
RELIGIONE

Come per i confinanti Bambara, anche i Marka sono per lo più di religione islamica.

Una delle moschee nei dintorni della città di Sègou

Parole Explora: 

Altre informazioni:

06. SEDILE

Tra le molte produzioni artistiche del gruppo Dogon vi sono i sedili/seggi che rivestivano soprattutto una funzione simbolica poiché venivano  utilizzati da personaggi importanti.

1 Seggio in situ

1 Seggio in situ


Le due piattaforme
, la parte superiore e inferiore della seduta, rappresentano il cielo e la terra e le quattro coppie scolpite in rilievo raffigurano  gli antenati  primordiali del gruppo, che avevano scelto le acque dei fiumi e dei mari come elementi in cui risiedere.

 

IL POPOLO DOGON

 

Mali _ Mappa delle Popolazioni

Mali _ Mappa delle Popolazioni


ARTE

16 danza delle maschere da Les mondes dogon

16 danza delle maschere da Les mondes dogon

I Dogon sono molto famosi per la loro vasta produzione di maschere e di statue in legno.

18 dama2 da Les Dogon

18 dama2 da Les Dogon

I colori primari utilizzati dai Dogon sono di solito il rosso, il nero e il bianco, mentre i segni più diffusi includono spirali e motivi a scacchiera; entrambi i motivi fanno riferimento alle storie legate all’origine di questo popolo.

STORIA

La storia antica, basata su tradizioni orali, riferisce che tra il X ed XIII secolo i Dogon si erano stabiliti sulla riva occidentale del fiume Niger. Essi emigrarono ad ovest verso il Burkina Faso del nord, dove le storie locali li descrivono come kibsi. Intorno al 1490 fuggirono in una regione conosciuta come il regno settentrionale Mossi dello Yatenga, quando furono attaccati dalla cavalleria Mossi.

La falesia di Bandiagara

La falesia di Bandiagara

Finirono la loro fuga nella regione delle falesie di Bandiagara, al sicuro dai cavalieri che li inseguivano.

Patrimoni dell’umanità – La falesia di Bandiagara

ECONOMIA

6 granai da Les mondes dogon

6 granai da Les mondes dogon

 I Dogon coltivano cipolle che vengono esportate in tutta la regione sudanese. Producono anche miglio e sorgo per il consumo locale. Come per tanti contadini africani, la terra e la sua fertilità svolgono un ruolo importante nelle concezioni religiose dei Dogon.

10 casa del sacerdote hogon da Les mondes dogon

10 casa del sacerdote hogon da Les mondes dogon

Il culto del Lebe, il dio che ogni notte appare in forma di serpente al capo religioso, è principalmente legato al ciclo della terra e altari a lui dedicati sono diffusi tra i terreni per favorire la fertilità della terra. Il più importante rito agricolo è il Bulu, che precede immediatamente le prime piogge e la semina.

POLITICA

Tra i Dogon le persone sono definite in base alla discendenza ed alla località. I raggruppamenti sono il clan, il villaggio, la discendenza patrilineare, e, per gli uomini, l’età o il grado.

12 guaritore da Les danseurs masquès

12 guaritore da Les danseurs masquès

Ognuno di questi gruppi è ordinato gerarchicamente in base all’età e all’ordine di successione, e tutti i livelli di ogni gruppo interagiscono con gli altri in modo che chi è generalmente ben rispettato all’interno della famiglia molto probabilmente sarà destinato a detenere una posizione di rilievo all’interno della società.

13 divinazione da Les Dogon

13 divinazione da Les Dogon


RELIGIONE

La religione Dogon è definita in primo luogo attraverso il culto degli antenati e degli spiriti che essi hanno incontrato durante le loro migrazioni attraverso il Sudan occidentale.

11 monumento funebre da Dogon art

11 monumento funebre da Dogon art

La società Awa è incaricata di eseguire le cerimonie che permettono al defunto di lasciare il mondo dei vivi e entrare nel mondo dei morti. I riti pubblici comprendono quelli funebri e la cerimonia del dama che segna la fine del periodo del lutto.

18 cerimonia del dama 1 da Les Dogon

18 cerimonia del dama 1 da Les Dogon

I membri della società Awa sono anche responsabili delle cerimonie del Sigui, che si tengono ogni 60 anni con lo scopo di ricordare alle nuove reclute gli iniziati defunti.
Tutti questi riti richiedono l’uso delle maschere e sono celebrati solo dai maschi iniziati che hanno appreso le tecniche necessarie per rappresentare le creature soprannaturali.

 

Parole Explora: fertilità, forza, onde del fiume, saggezza, serenità

Altre informazioni:

Dogon-Lobi.ch

SIRIS

TripDownMemoryLane